Home Page I Gemelli

I Gemelli di Trigoso   (Link con il circolo Acli di Trigoso  www.trigoso.it ) Peppino

Fra le Parrocchie di Rasa e di Trigoso è nato il 29 Aprile 2001 un gemellaggio frutto della comune devozione al  copatrono San Gottardo.

 

Piccola Storia

 

Tutto è nato da un messaggio pubblicato il 16 Luglio 2000, a cura del circolo Acli di Trigoso, su Famiglia Cristiana con la richiesta di contatti ed informazioni su Parrocchie, Chiese o Cappelle che veneravano San Gottardo. Fra i vari contatti ricevuti (vedi link) citiamo testualmente quanto dichiarato per la Parrocchia di Rasa …

Inoltre una mattina della scorsa estate una rappresentanza del Parroco della RASA (VA), Don Elio Gentili, ha bussato alla canonica della nostra Chiesa, invitando i parrocchiani di Trigoso a recarsi alla Rasa, un borgo del comune di Varese che ha molte similitudini con il nostro paese. Subito è nata una comunione di intenti, che ha siglato un gemellaggio in nome del comune Patrono.”

 

Primi incontri

 

-- Il primo incontro fra le due Comunità è avvenuto il 16 Ottobre 2000 con una visita in Rasa di un folto gruppo i Trigosini “capitanati” dal parroco Don Enzo e dal coordinatore del Circolo Acli Marco Bo. 

Riportiamo letteralmente alcuni passi dell’articolo apparso sul “LUCE”…..

“La Parrocchia della Rasa e quella di Trigoso, nella Liguria occidentale,hanno in comune il compatrono:San Gottardo. Noi della Rasa celebriamo i cinquecento anni della costruzione della chiesetta di San Gottardo; i nostri amici liguri ricordano i mille anni dal passaggio di San Gottardo,pellegrino verso Roma, nel loro paesello. E così, dopo qualche timido approccio,nel nome del nostro comune Santo, domenica 22 ottobre i trigosini sono venuti da noi e noi abbiamo cercato di riceverli nel modo migliore” 

 

ed il comunicato trasmesso su TELEPACE in Liguria ….

“I trigosini, sono stati accolti dal Parroco Prof. Don Elio Gentili, dalla popolazione e con molta sorpresa dalla locale banda. È seguita la S.Messa nella parrocchiale della Madonna degli Angeli concelebrata dai due parroci. Durante la funzione sono stati anche cantati i due inni che sono eseguiti in onore del Santo nelle rispettive località. All’offertorio sono stati offerti i fiori di Liguria, l’olio e il vino appassito di Trigoso. È stata visitata poi una mostra sul Santo preparata per l’occasione e la cinquecentesca chiesetta di san Gottardo.” 

 

-- Un secondo incontro è avvenuto il 28 Dicembre 2000 in Trigoso per una visita ai presepi Liguri e la preparazione del Gemellaggio . In quell’occasione una rappresentanza di Rasini con Don Elio hanno accordato con gli amici Trigosini la data ufficiale del Gemellaggio (29 Aprile in Trigoso) e la necessaria organizzazione logistica.

 

 

 

Il Gemellaggio (S. Gutard l’è ‘ndai al màar) (ul Pepo)

 

Cronaca della visita a Trigoso per il gemellaggio fra le due parrocchie. Il cronista l’ha raccontata alla sua maniera ma con l’intento di imitare lo stile e l’intercalare “in percè” in uso, per occasioni analoghe, quando lui e molti altri della compagnia, erano molto più giovani. (Articolo pubblicato per l'avvenimento sul LUCE)

 

Ai cinq e meza dula dumenica dul 29 apriil, ul S. Gutard l’ha svegliàa ul Don, ul Giusepin, ul Mario urulugiat e la so tùsa, un pù da cereghitt e quasi altar cinquanta person par andà al màar. O santa Maria Vergine, l’avrà dii un quai vün, l’è mia l’ùra da fa ul bagn; büsögna  specià almenu fina a S.Pedar e Paul prima da fa certi matarii. Machèe bagn, ul nostar patrùn al vureva fàag incuntrà cunt un altar paes di so discepul du la Liguria: Trigoso.

Ai ses e meza, a la curiera, gh’evan tücc, gh’eva ul Natale in funzion da manegiùn, ul Gualtiero c’al cuntava i person,… gh’eva anca ul S. Gutard, ma quel baloss par mia pagà ul viacc al s’eva nascundü sul tecc du la curiera.

Finalment semm rivàa in di nostar amìis dul màar, i canpan sunavan a fèsta, la gent sa stringevan i man, i fiö fasevan un casin del boia e la televisiùn “registrava tutto quanto”. E chi … ul crunista al perd ul cuntatu, parchè, par dàac una man a l’autista du la curiera a truvà un post, l’ha perdü pussèe d’un quart d’ura  e … la Mesa l’eva già al Vangelo e ul don Enzo al g’aveva già dai ul “benvenuto ufficiale”. A la predica ul nostar  don Elio la ricambiàa i salüt “come si deve” e i do comunità s’hinn strngiüü i màan cumè gent ca sa cugnusevan da cent ann. A l’ufertori, insema al vin e a l’ostia, i nostar cereghitt han purtàa su l’altar una muntagna da regalit e …l’Agostino,  “persona pratica”,  l’ha precisà, insema a l’uraziùn, che un quai vùn al duveva vess mangiàa quasi subit. La turta da S. Gutard  e i brutt e bun da Gavirà.

E ul S. Gutard ??  Apena rivàa l’ha ciapàa pusess du la sò statua in Trigoso; al stava mia tant comud parchè l’eva püssèe picula du la nostra, ma lü, anca sa ga fasevan mà i call, l’eva “felice e beato” a vidè i sò dó comunità. Santus, Cumeniun, letura ufficia di pergamen dul gemelacc e pö, dopu avè cantàa i nostar inni a S. Gutard, tucc föra, sul sagrà a fa fésta cunt la gent e cunt i do cunfraternità e ul Cristo da 86 Kili.

Ul sagrato … , una vera meraviglia: düü migliun da bucett da màar, negar, bianch e ross che la gent da lì l’ha metüü insema düü ann fa. Un aperitif, un gazusin par i donn,quatar patatin, una ugiada a la targa dùa ul Guareschi, da fiö, al pasava i so vacanz cunt la perpetua du la canonica; e pö … via tucc a mangià:  chi cunt la schisceta su la spiagia da Riva Trigoso, un altar paes propi lì tacàa, e chi … püsèe  fortunàa, o menu debul da stomich, in dul agriturismo propi lì visìn a la gèsa.

Sevum quasi setanta, quaranta di nostar e trenta da lùur… Dopo i solit quatar ball in taliano , parchè sa nò sa capivum mia, hemm tacàa a mangià e bèev comè i uchitt. Di düü prèet  … parleman mia par rispetu … ma ul Natale al mangiava  cumè un vedel, ul Pepino quasi al crepa, ul Maurizio quasi i ha ciapàa du la Giuvana par via dul diabete e ul Giusepin e ul Mario urulugiatt han mangiàa anca ul piatt…

Ul S. Gutard, intant che nunc mangiavum e bevevum al riusiva mia a sliberas du la statua tropa strecia; finalment e cunt un gran màa da schena, vist che i sö discepul evan già bèn sistemàa, l’è ‘ndai diretament sul tecc du la curiera par un altar viacc “a ufo” e una bela durmidina.

Ai cinq ùr, dopu che ul manegiù  l’ha sistemàa i questiun da grana e, dopu che ul “Factotum lucal” Marco Bo, l’ha vist che i monument lucal evan mia in di nostar interess (tant la panscia l’eva piena) hemm saludàa, “come si deve” gran part di nostar amìios da Trigoso e via a pèe vers la spiagia par radunà tuta la trupa.

Tanti salüüt anca mò, auguri e prumess  e …. Via cunt la curiera, par turnà indre  a la nostra Rasa.